twitter 1795652 1920

MIT: su Twitter, le notizie false viaggiano più velocemente delle storie vere

0 Comments

Secondo lo studio dell’uneversità del MIT Il progetto di ricerca rileva che gli esseri umani, non i robot, sono i principali responsabili della diffusione di informazioni fuorvianti.

Un nuovo studio condotto da tre studiosi del MIT ha rilevato che le notizie false si diffondono più rapidamente sul social network Twitter rispetto alle notizie reali, e con un margine sostanziale.

“Abbiamo scoperto che la menzogna si diffonde molto più lontano, più velocemente, più in profondità e in modo più ampio della verità, in tutte le categorie di informazioni e in molti casi di un ordine di grandezza”, afferma Sinan Aral, professore alla MIT Sloan School of Management e co-autore di un nuovo articolo che dettaglia i risultati.

“Questi risultati gettano nuova luce sugli aspetti fondamentali del nostro ecosistema di comunicazione online”, afferma Deb Roy, professore associato di arti e scienze dei media presso il MIT Media Lab e direttore del Laboratory for Social Machines (LSM) del Media Lab, che è anche un coautore dello studio. Roy aggiunge che i ricercatori erano “da qualche parte tra sorpresi e storditi” per le diverse traiettorie di notizie vere e false su Twitter. 

Inoltre, hanno rilevato gli studiosi, la diffusione di informazioni false non è essenzialmente dovuta a bot programmati per diffondere storie imprecise. Invece, le notizie false sono più veloci su Twitter a causa delle persone che ritwittano notizie imprecise.

“Quando abbiamo rimosso tutti i bot nel nostro set di dati, [le] differenze tra la diffusione di notizie false e vere sono rimaste”, afferma Soroush Vosoughi, coautore del nuovo articolo e post-dottorato presso LSM la cui ricerca di dottorato ha contribuito a dare origine allo studio attuale.

Lo studio fornisce una varietà di modi per quantificare questo fenomeno: ad esempio, le notizie false hanno il 70% in più di probabilità di essere ritwittate rispetto alle storie vere. Ci vogliono anche storie vere circa sei volte più tempo per raggiungere 1.500 persone rispetto alle storie false per raggiungere lo stesso numero di persone. Quando si tratta di “cascate” di Twitter, o catene di retweet ininterrotte, le falsità raggiungono una profondità a cascata di 10 circa 20 volte più velocemente dei fatti. E le falsità vengono ritwittate da utenti unici in modo più ampio rispetto alle affermazioni vere a ogni profondità della cascata.

Il documento, “La diffusione di notizie vere e false online”, è stato pubblicato oggi su Science .

Perché la novità può guidare la diffusione della falsità

La genesi dello studio coinvolge gli attentati alla maratona di Boston del 2013 e le successive vittime, che hanno ricevuto massiccia attenzione su Twitter.

“Twitter è diventata la nostra principale fonte di notizie”, afferma Vosoughi. Ma all’indomani dei tragici eventi, aggiunge, “Mi sono reso conto che… una buona parte di ciò che stavo leggendo sui social media erano voci; era una notizia falsa”. Successivamente, Vosoughi e Roy – all’epoca consigliere laureato di Vosoughi – decisero di orientare l’obiettivo del dottorato di ricerca di Vosoughi per sviluppare un modello in grado di prevedere la veridicità delle voci su Twitter.

Se interessati, ecco una guida completa per evitare gli errori di una rete virtuale

Successivamente, dopo aver consultato Aral, un altro dei consulenti laureati di Vosoughi, che ha studiato a fondo i social network, i tre ricercatori hanno deciso di provare l’approccio utilizzato nel nuovo studio: identificare oggettivamente le notizie come vere o false e tracciare le loro traiettorie su Twitter. Twitter ha fornito supporto per la ricerca e ha concesso al team del MIT il pieno accesso ai suoi archivi storici. Roy è stato il capo scienziato dei media di Twitter dal 2013 al 2017.

Per condurre lo studio, i ricercatori hanno rintracciato circa 126.000 notizie a cascata diffuse su Twitter, che sono state twittate cumulativamente oltre 4,5 milioni di volte da circa 3 milioni di persone, dal 2006 al 2017.

Per determinare se le storie fossero vere o false, il team ha utilizzato le valutazioni di sei organizzazioni di verifica dei fatti (factcheck.org, hoax-slayer.com, politifact.com, snopes.com, truthorfiction.com e urbanlegends.about.com) , e hanno scoperto che i loro giudizi si sovrapponevano più del 95% delle volte.

Delle 126.000 cascate, la politica costituiva la più grande categoria di notizie, con circa 45.000, seguita da leggende metropolitane, affari, terrorismo, scienza, intrattenimento e disastri naturali. La diffusione di storie false è stata più pronunciata per le notizie politiche che per le notizie delle altre categorie.

I ricercatori hanno anche scelto il termine “notizie false” come oggetto di studio, distinto dal termine ormai onnipresente “notizie false”, che implica molteplici ampi significati.

I risultati finali producono una domanda fondamentale: perché le falsità si diffondono più rapidamente della verità, su Twitter? Aral, Roy e Vosoughi suggeriscono che la risposta potrebbe risiedere nella psicologia umana: ci piacciono le cose nuove.

“Le notizie false sono più nuove ed è più probabile che le persone condividano nuove informazioni”, afferma Aral, che è il David Austin Professor of Management. E sui social network, le persone possono attirare l’attenzione essendo le prime a condividere informazioni precedentemente sconosciute (ma forse false). Quindi, come dice Aral, “le persone che condividono nuove informazioni sono viste come al corrente”.

Gli studiosi del MIT hanno esaminato questa “ipotesi di novità” nella loro ricerca prendendo un sottocampione casuale di utenti di Twitter che propagavano storie false e analizzando il contenuto delle reazioni a quelle storie.

Il risultato? “Abbiamo visto un profilo emotivo diverso per le notizie false e le notizie vere”, afferma Vosoughi. “Le persone rispondono alle notizie false più con sorpresa e disgusto”, osserva, mentre le storie vere hanno prodotto risposte più generalmente caratterizzate da tristezza, anticipazione e fiducia.

Quindi, mentre i ricercatori “non possono affermare che la novità causi i retweet” di per sé, come affermano nel giornale, la sorpresa che le persone registrano quando vedono notizie false si adatta all’idea che la novità delle falsità possa essere una parte importante della loro propagazione.

Indicazioni per ulteriori ricerche

Mentre i tre ricercatori pensano tutti che l’entità dell’effetto che hanno riscontrato sia altamente significativa, le loro opinioni sulle sue implicazioni civiche variano leggermente. Aral dice che il risultato è “molto spaventoso” in termini civici, mentre Roy è un po’ più ottimista. Ma gli studiosi concordano sul fatto che è importante pensare a come limitare la diffusione della disinformazione e sperano che il loro risultato incoraggi ulteriori ricerche sull’argomento.

In primo luogo, osserva Aral, il riconoscimento che gli esseri umani, non i robot, diffondono notizie false più rapidamente suggerisce un approccio generale al problema.

“Ora gli interventi comportamentali diventano ancora più importanti nella nostra lotta per fermare la diffusione di notizie false”, afferma Aral. “Mentre se fossero solo bot, avremmo bisogno di una soluzione tecnologica.”

Vosoughi, da parte sua, suggerisce che se alcune persone stanno diffondendo deliberatamente notizie false mentre altri lo stanno facendo inconsapevolmente, allora il fenomeno è un problema in due parti che potrebbe richiedere più tattiche in risposta. E Roy afferma che i risultati potrebbero aiutare a creare “misure o indicatori che potrebbero diventare parametri di riferimento” per social network, inserzionisti e altre parti.

Gli studiosi del MIT affermano che è possibile che lo stesso fenomeno si verifichi su altre piattaforme di social media, incluso Facebook, ma sottolineano che sono necessari studi accurati su questa e altre questioni correlate.

In tal senso, afferma Aral, “la scienza ha bisogno di più supporto, sia dall’industria che dal governo, per poter fare più studi”.

Per ora, dice Roy, anche gli utenti di Twitter ben intenzionati potrebbero riflettere su un’idea semplice: “Pensa prima di ritwittare”.

Articolo Originale del MIT: https://news.mit.edu/2018/study-twitter-false-news-travels-faster-true-stories-0308

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *